Lo Statuto

Denominazione e sede

E’ costituita con sede in FIRENZE VIA LUIGI GORDIGIANI N. 52, PIANO SECONDO, PRESSO STUDIO TRIBUTARIO DOTT. CLAUDIO CALAMARI, un’Associazione denominata ”Associazione Medici di Scandicci   AMES”.

Dispone di un simbolo e i colori sociali sono bianco e azzurro.

L’ Associazione non ha scopo di lucro.

 

Finalità e scopi

L’Associazione si propone di:

  1. migliorare sempre di più i rapporti tra i medici, nello spirito della tradizione deontologica;

  2. approfondire la conoscenza tra colleghi che esercitano nei differenti settori della Sanità;

  3. promuovere manifestazioni culturali e scientifiche per migliorare il livello culturale e favorire l’aggiornamento professionale

  4. favorire attività di promozione ed educazione socio-sanitaria a fini umanitari

  5. favorire la libera discussione su argomenti di comune interesse, ad eccezione della politica di partito e del settarismo religioso.

Per il raggiungimento dei suoi fini, l’Associazione potrà:

 promuovere ogni iniziativa che abbia come fine il perfezionamento dell’esercizio professionale nel campo scientifico, culturale, amministrativo e burocratico anche attraverso conferenze, seminari, incontri con altre categorie, pubblicazioni e dibattiti.  

 

promuovere manifestazioni sportive, turistiche e ricreative in genere, allo scopo di migliorare la socialità degli iscritti.

 

Associati

Il  numero degli associati è illimitato.

Possono chiedere di far parte dell’Associazione, a condizione che ne condividano le finalità, tutti coloro che sono in possesso dei seguenti requisiti:

  1. Laurea in Medicina e Chirurgia;

  2. qualità morali e penali ineccepibili.

Chi desidera associarsi dovrà presentare per iscritto domanda d’ammissione diretta al Consiglio Direttivo, contenente, oltre ai dati anagrafici, dichiarazione di conoscenza e accettazione d’ogni clausola dello Statuto.

Il Consiglio Direttivo decide, a suo insindacabile giudizio, sulle domande d’ammissione.

Ogni socio ha il diritto ed il dovere morale di dare il proprio contributo d’idee per l’attuazione degli scopi dell’Associazione e di partecipare alle manifestazioni dell’Associazione stessa.

Gli associati si distinguono in:

a)   effettivi: vi appartengono coloro che possiedono i requisiti previsti dall’art. 3 che s’impegnano a pagare puntualmente, per tutta la permanenza del vincolo associativo, la quota annuale stabilita dal Consiglio Direttivo;

b)   onorari: vi appartengono quei soci che, anche non avendo la Laurea in Medicina e Chirurgia, hanno reso particolari servigi alla comunità o che, per particolari meriti, sono associati come segno di gratitudine e sono esonerati dal versamento delle quote annuali. I candidati alla qualifica di socio onorario sono proposti dal Consiglio Direttivo all’Assemblea che li proclama tali.

E’ prevista anche la figura di un Presidente onorario nominato dal Consiglio Direttivo.

Tutti i soci hanno diritto ad una disciplina uniforme del rapporto associativo e delle modalità associative volte a garantire l’effettività del rapporto medesimo. La partecipazione all’Associazione è a tempo indeterminato, ne è esclusa ogni forma diversa.

Tutti i soci hanno diritto di voto, secondo il principio di cui all’art. 2532 c. 2, C.C. per tutte le deliberazioni che competono all’Assemblea ivi comprese le approvazioni e le modificazioni dello Statuto o dei regolamenti e per la nomina degli organi direttivi dell’Associazione. La quota associativa è intrasmissibile sia per atto tra vivi che mortis causa; è esclusa ogni rivalutazione della quota associativa.

Si perde la qualifica di socio su decisione scritta del Consiglio, per i seguenti motivi:

a)   dimissioni volontarie;

b)   inadempienza dei doveri istituzionali tra cui il pagamento della quota sociale;

c)  motivi d’ordine morale o penale.

Inoltre si perde la qualifica di socio per decisione motivata dell’Assemblea.

Si può recedere dall’Associazione previa comunicazione con lettera indirizzata al Presidente.

Il recesso ha effetto con Io scadere dell’anno in corso, purché la comunicazione sia fatta almeno tre mesi prima.

Il socio che cessa di far parte dell’Associazione resta, in ogni caso, obbligato per le somme dovute a qualunque titolo all’Associazione.

L’Associazione assolve i suoi impegni istituzionali con le risorse economiche derivanti da:

 •      contributi;

 •     sponsorizzazioni;

 •     donazioni e lasciti;

 •     rimborsi;

 •     eventuali fondi di riserva costituiti da eccedenze di Bilancio;

 •     ogni altro tipo d’entrate conseguite nel rispetto delle finalità istituzionali.

 I contributi degli aderenti sono costituiti dalle quote di associazione annuale, stabilite dal Consiglio Direttivo.

 Eventuali contributi straordinari saranno stabiliti dall’Assemblea, che ne determina l’ammontare.

 Le eventuali sponsorizzazioni dovranno essere effettuate entro i limiti della legalità, della trasparenza e della perfetta correttezza deontologica e amministrativa.

 Le donazioni e i lasciti sono accettati dall’Assemblea che delibera sull’utilizzazione di esse, in armonia con le finalità statutarie dell’organizzazione.

E’ vietato distribuire, anche in modo indiretto, utili o avanzi di gestione nonché fondi, riserve o capitale durante la vita dell’Associazione, salvo che la destinazione o la distribuzione non siano imposte dalla legge.

Rendiconto

L’anno sociale coincide con quello solare.

Il Consiglio Direttivo redige il Bilancio consuntivo e la relazione morale e finanziaria dell’anno precedente nonché il Bilancio preventivo e il programma dell’anno in corso.

Il Bilancio preventivo e consuntivo deve essere approvato dall’Assemblea ordinaria ogni anno entro il mese di Aprile.

Esso deve essere depositato presso la sede dell’Associazione entro 15 giorni precedenti la seduta per poter essere consultato da ogni associato.

Organi dell’Associazione

 Gli organi dell’Associazione sono:

  1. l’Assemblea degli associati;

  2. il Consiglio Direttivo;

  3. il Collegio dei Probiviri.

I membri del Consiglio Direttivo e del Collegio dei Probiviri restano in carica per due anni e sono rieleggibili.

Assemblea

 L’Assemblea degli associati assolve i seguenti compiti:

•     eleggere il Presidente;

•     eleggere il Primo Vicepresidente;

•     eleggere il Secondo Vicepresidente;

•     eleggere il Segretario;

•     eleggere il Tesoriere;

•    eleggere gli altri dieci membri del Consiglio Direttivo;

•    eleggere i componenti del Collegio dei Probiviri;

•    proclamare soci onorari su proposta del Consiglio Direttivo;

•    decidere, per gravi motivi, l’espulsione di un socio;

•   stabilire eventuali contributi straordinari e il relativo ammontare;

•   accettare donazioni, lasciti e deliberare circa la loro utilizzazione;

•     deliberare su tutte le materie eventualmente sottopostele dal Consiglio Direttivo;

•     approvare i Bilanci preventivi e consuntivi su proposta del Consiglio Direttivo e deliberare su eventuali eccedenze attive;

•     approvare le linee generali e il programma di attività dell’anno solare;

•     deliberare sulle modifiche dello Statuto

•     deliberare sullo scioglimento e sulla   liquidazione dell’Associazione;

•     nominare uno o più liquidatori, in caso di scioglimento dell’Associazione, e deliberare circa la destinazione del patrimonio della stessa.

L’Assemblea è convocata a mezzo lettera raccomandata da spedire o consegnare almeno otto giorni prima della data fissata e deve indicare gli argomenti all’ordine del giorno.

L’Assemblea ordinaria è convocata a cura del Presidente almeno una volta all’anno, entro il 30 Aprile, per la discussione e l’approvazione:

  • del Bilancio consuntivo e della relazione morale e finanziaria dell’anno precedente;
  • della destinazione degli eventuali residui attivi della gestione sociale, tenuto conto dell’esigenza di un fondo di riserva;
  • del Bilancio preventivo e del programma dell’anno in corso.

L’Assemblea ordinaria è altresì convocata una volta ogni due anni, entro il 30 Novembre, per l’elezione del Consiglio Direttivo e del Collegio dei Provibiri.

I nuovi eletti entrano in carica il primo Gennaio del biennio.

L’Assemblea può, inoltre, essere convocata ogni qualvolta il Consiglio Direttivo lo ritenga opportuno o ne facciano richiesta scritta al Presidente, indicando gli argomenti da trattare, almeno un decimo dei soci.

L’Assemblea è presieduta dal Presidente.

Ogni associato impossibilitato a partecipare all’Assemblea può farsi rappresentare per il voto da altro socio cui conferirà delega scritta.

Ciascun socio non può ricevere più di due deleghe.

L’Assemblea è validamente costituita, in prima convocazione, quando risultano presenti almeno la metà più uno dei soci e in seconda convocazione qualsiasi sia il numero dei presenti.

L’ Assemblea in seconda convocazione non può essere tenuta prima di due giorni dalla prima. Le due convocazioni possono essere effettuate con un unico avviso.

Le deliberazioni sono approvate a maggioranza semplice sia in prima sia in seconda convocazione. I verbali delle deliberazioni assembleari sono consultabili presso il Segretario.

L’Assemblea straordinaria delibera sulle modifiche dello Statuto sull’eventuale scioglimento e sulla liquidazione dell’Associazione con il voto favorevole della maggioranza assoluta degli iscritti.

L’amministrazione dell’Associazione è affidata al Consiglio Direttivo, composto da quindici membri. Al Consiglio Direttivo compete:
  •       la nomina di tre membri della Commissione Elettorale, sulla base delle disponibilità individuali;
  •       deliberare circa l’ammissione, decadenza, inadempienza, incompatibilità degli associati ed accettarne le dimissioni;
  •       proporre candidati alla qualifica di socio onorario;
  •       amministrare l’Associazione, in osservanza alle norme del presente Statuto;
  •       redigere i Bilanci preventivi e consuntivi da sottoporre all’approvazione dell’Assemblea; -
  •      stabilire l’importo annuale della quota associativa;
  •       deliberare sulla convocazione delle Assemblee ordinarie e straordinarìe;
  •       autorizzare i pagamenti eccedenti la ordinaria amministrazione;
  •       esaminare ed approvare il programma di attività dell’Associazione e cosi ogni altra iniziativa che si rendesse necessaria ed opportuna.

Il  Consiglio Direttivo si riunisce di regola una volta al mese, per la periodica relazione del Presidente sulle attività dell’Associazione, e tutte le volte che il Presidente lo ritenga opportuno o quando Io richieda almeno un terzo dei suoi componenti.

La convocazione può essere effettuata con qualsiasi formalità, almeno quattro giorni prima, a condizione che vengano indicati il luogo, l’ora della riunione e l’ordine del giorno. Le riunioni del Consiglio sono valide con la presenza di almeno la metà più uno dei suoi componenti; le relative delibere vengono adottate a maggioranza dei presenti. In caso di parità prevale il voto del Presidente. Di ogni riunione deve essere redatto verbale consultabile presso il Segretario.

Il  Presidente è il primo dirigente dell’Associazione, ne ha la rappresentanza e la firma sociale.

Il  Presidente:

  •      convoca e presiede tutte le adunanze del Consiglio Direttivo;
  •      convoca, previa delibera del Consiglio Direttivo, le Assemblee ordinarie e straordinarie e le presiede;
  •      controlla che siano realizzate le iniziative deliberate dall’Assemblea, dal Consiglio o dai Comitati.­

 

 Primo Vicepresidente

Il  Primo Vicepresidente collabora attivamente con il Presidente e in caso di sua assenza lo sostituisce anche nella rappresentanza sociale.

Secondo Vicepresidente

Il Secondo Vicepresidente collabora attivamente con il Presidente e ha le funzioni di coordinamento nell’attività associativa.

Segretario

Il Segretario esegue le deliberazioni dell’Assemblea e del Consiglio Direttivo; cura i servizi di segreteria e redige i verbali delle riunioni assembleari e di Consiglio.

Tesoriere

Il  Tesoriere provvede:

  •  alla gestione finanziaria dell’Associazione;
  •  alla riscossione delle quote associative, rilasciandone ricevuta;
L’Associazione dispone di un conto corrente a firma, disgiunta fra loro, del Presidente e del Tesoriere. Sia il Presidente che il Tesoriere potranno effettuare le spese di ordinaria amministrazione; le spese di straordinaria amministrazione dovranno essere autorizzate dal Consiglio.

 Commissione Elettorale

La Commissione Elettorale è formata da cinque membri di cui due, il Presidente ed il Primo Vicepresidente del Consiglio, ne fanno parte di diritto, e tre soci nominati dal Consiglio Direttivo.

La Commissione ha il compito di controllare che le elezioni avvengano regolarmente.

Si riunisce trenta giorni prima della data fissata per le elezioni e nomina il suo Presidente.

Collegio dei Probiviri

Il Collegio dei Probiviri è composto da cinque soci eletti dall’Assemblea e da tutti i soci che abbiano ricoperto la carica di Presidente, come membri di diritto.

Il  Collegio ha la funzione di esaminare i casi previsti dall’art. 6 ed , inoltre, di esprimere collegialmente d’iniziativa propria o a richiesta, il suo parere sulla interpretazione o aggiornamento di ordinamenti, Statuto, regolamenti ed ogni altro argomento che interessi l’Associazione.

Nel caso in cui la carica del Presidente del Consiglio sia vacante, per motivi di impedimento o di altra natura, essa verrà ricoperta per l’annata in corso dal Primo Vicepresidente.

Alla copertura di altre cariche, eventualmente vacanti, provvederà il Consiglio Direttivo.

In entrambi i casi si provvederà a nuove elezioni ove la carenza si verifichi prima dell’inizio dell’anno sociale. Tutte le cariche sociali, da qualsivoglia organo nominate o ricoperte di diritto, hanno durata biennale e non vengono retribuite.

Scioglimento

L’Associazione si scioglie, oltre che per i casi previsti dalla legge, per delibera dell’Assemblea straordinaria maggioranza assoluta degli iscritti.

L’Assemblea che delibera lo scioglimento dell’Associazione, nomina uno o più liquidatori e delibera in ordine alla destinazione del patrimonio.

A prescindere dalla causa dello scioglimento, il patrimonio deve essere devoluto obbligatoriamente ad altra Associazione che persegue finalità analoghe o per fini di pubblica utilità, sentito l’organismo di controllo di nomina interministeriale e salvo diversa destinazione imposta per legge.

 

Per quanto non espressamente previsto nel presente Statuto, si fa riferimento a quanto stabilito dalle norme di legge vigenti in materia.  

Sostenitori

Agenzia Firenze Puccini 814
Gori Stefano e Paoli Giampaolo
Via Francesco Baracca 2
50127 Firenze
Tel: 055 3245415
Fax 055 357112
Email: firenzepuccini@groupama.it
 

http://www.fornainiauto.com

FORNAINI AUTO S.r.l
Via Prov. Lucchese, 42
50019 Sesto Fiorentino, Firenze
Tel. 055 301.291
Tel. Fax 055 301.269